Adulti

Stati di ansia: ansia che riguarda specifiche situazioni di vita, oppure specifici ambiti della propria vita; ansia che pervade ogni ...

Altro

Adolescenti e Giovani

Depressione e stati depressivi: tristezza profonda; senso di vuoto; senso di inutilità; fatica nell'affrontare la vita di tutti i giorni...

Altro

Gravidanza e Post-Partum

Disturbi dell'alimentazione: anoressia; bulimia; obesità psicogena

Altro

Consulenza di Coppia

Formazione Insegnanti Dislessia Disgrafia Discalculia Iperattivita' Bullismo

Altro

Non si può mai attraversare l'oceano se non si ha il coraggio di perdere la vista della riva.

Cristoforo Colombo

Servizi

La psicoterapia analitica è soprattutto finalizzata all’analisi delle difese che l’individuo ha eretto nel corso nella sua esistenza ovvero, a rendere manifesto ciò che dell’essenza della sua personalità, per svariate ragioni, è stato rimosso o represso. la terapia junghiana mira quindi, a ottenere un riadattamento alla realtà, che sia però inclusivo dei bisogni e delle motivazioni più profonde del soggetto.

A chi è indicata

E’ adatta a chi vuole indagare nel profondo nella propria psiche per scoprire le ragioni sotterranee di problemi e angosce, che si esprimono attraverso sintomi di varia natura come e non solo, nel caso delle fobie, ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi del comportamento sessuale e alimentare. Il metodo concreto consiste nell’analisi di sogni, fatti della vita reale, passata e presente, fantasie, comportamenti e modi espressivi della persona, nonché le sue modalità di relazionarsi con gli altri significativi nella propria vita.

La psicologia analitica, fondata da Carl Gustav Jung dopo il suo distacco da Freud, è la più importante alternativa alla psicanalisi freudiana nell’ambito delle impostazioni di tipo analitico e ne rappresenta l’evoluzione. In essa viene considerata l’intera dinamica psichica, passata ed attuale, ed anche futura, nel senso delle intenzioni e delle tensioni verso la propria destinazione, il proprio progetto di vita, che tende naturalmente, attraverso il processo dell’individuazione, allo sviluppo di Sé nella propria e peculiare autenticità. Questa prospettiva considera l’inconscio come un ricco insieme di contenuti che attendono solamente di poter trovare il proprio canale espressivo. Per Jung “inconscio” è un aggettivo che designa un insieme di complessi, ossia insiemi di emozioni, sentimenti, pensieri, di cui l’individuo non è consapevole e che sono alla base dei suoi sogni e dei sintomi.


ADOLESCENZA ORIENTAMENTO SCOLASTICO SELEZIONE DEL PERSONALE DINAMICHE DI COPPIA RIABILITAZIONE EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' CTP AUTOSTIMA EDUCAZIONE SESSUALE IPERATTIVITA' GENITORIALITA' STRESS LAVORO CORRELATO DISLESSIA DEMENZE INCONTRI DI GRUPPO ADHD MATERNITA' ANSIA DEPRESSIONE DISCALCULIA DISTURBO PSICOSOMATICO ORIENTAMENTO PROFESSIONALE TEAM WORKING DEMENZA SENILE COMUNICAZIONE EFFICACE MOTIVAZIONE OBESITA' LEADERSHIP BULLISMO VALUTAZIONE E SVILUPPO ORGANIZZATIVO TRAINING AUTOGENO COACHING VALUTAZIONE PSICOPATOLOGICA AUTISMO TEST DI PSICOLOGIA MENTAL TRAINING DISTURBI SESSUALI MEDIAZIONE FAMILIARE DEFICIT DI ATTENZIONE SINDROME DI ASPERGER FORMAZIONE INSEGNANTI STALKING MIGLIORARE LA COMUNICAZIONE